Log in
Giovedì, 03 Febbraio 2011 16:15

“Appunti di viaggio nell’arte del XXI secolo” in mostra ad Ariccia

Scritto da  Francesca Ragno
Vota questo articolo
(0 Voti)

ariccia_veduta“Appunti di viaggio nell’arte del XXI secolo” è il titolo della rassegna che si inaugura sabato 12 febbraio 2011 negli spazi espositivi della Locanda Martorelli, Museo del Grand Tour, ad Ariccia. L’esposizione, a cura di Maria Cristina Vincenti, raccoglie, fino al 24 febbraio, oltre 30 opere di una quindicina di artisti di età e formazione diversa.

Un percorso volutamente costruito su diversità di stile e libertà di linguaggi, capaci di animare, non solo un dialogo collettivo, ma anche di documentare la propria attualità espressiva pur muovendo ciascuno da ottiche e prospettive assolutamente diverse.

Appunti di Viaggio - Gli artisti in mostra

Di Cristina Messora un alfabeto di segni con inserti collagistici; di Roberto Venturoni l’astrazione variabile e fine; di Angela Scappaticci la profondità del segno nella plasticità della materia; di Marco Diaco impasti di colore e sabbia sulla superficie notturna del dipinto. Seguono i dipinti di Daniela Panebianco, interprete originale del secondo futurismo, i dipinti di Cecilia Bossi realizzati con il polistirene bruciato e inciso su cui scorrono colature di colore e gli ultimi lavori monocromatici, di Elisabetta Fontana, un lungo viaggio nei territori dell’arte da sfogliare in assoluto silenzio.

Il momento di confronto tra la pittura astratta e quella figurativa ci viene data dalle opere di Paul De Haan che porta avanti una particolare ricerca del vero in stretto dialogo con gli oggetti di vita domestica. Seguono altri artisti attivi in Italia con una varietà di esperienze, sensibilità e stile. Maurilio Cucinotta, il pittore del sogno, si racconta attraverso il vero e il verosimile; Egidio Scardamaglia, il moderno che ama il classico, fotografa il bello senza mai cadere in una marcata piacevolezza; Susy Senzacqua esplora le vie del cielo in omaggio a Turner e Maria Felice Petyx rivisita in chiave tutta personale Andy Warhol e ripropone all’attenzione dell’osservatore le nuove mitologie del quotidiano. La mostra propone anche le incisioni di Vincenza Costantini, nudi femminile ambientati tra rocce spezzate e forme vegetali e gli scatti fotografici di Robbi Huner, un reportage in bianco e nero di vita in Africa.

Continuando le opere di Annita Mechelli, tre oli su carta di lirica leggerezza tipici della sua prima maniera e i dipinti di Anna Seccia, esponente di primo piano della pittura neoinformale densamente articolata, con velature e giustapposizioni cromatiche. Infine le opere di Stefano Sorrentino pagine di scrittura pittorica in omaggio agli artisti del Grand Tour. Un ventaglio di presenze diversificate che ripercorrono con alcune opere campione i diversi aspetti dell’arte contemporanea. Un omaggio ai grandi maestri del passato ancora oggi specchio della nostra contemporaneità. Il viaggio con l’arte continua.

- Francesca Ragno -
Letto 1292 volte Ultima modifica il Lunedì, 07 Marzo 2011 11:08

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.