Log in
Venerdì, 27 Gennaio 2012 10:48

"Terra in Bocca" - Poesia di un Delitto...

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il PalAriccia diventa per una sera il palcoscenico su cui far rivivere un episodio significativo del nostro rock progressive anni Settanta e insieme partecipare ad un momento collettivo di impegno e testimonianza sui temi della  legalità e del contrasto a tutte le mafie. E’ il 1971 quando i Giganti, gruppo beat tra i più amati degli anni Sessanta, tenta la svolta progressive con l’album concept (uno dei primi) Terra in bocca, incentrato sul tema di un delitto di mafia...

Inizia a scrivere da qui lasciando inalterato il mambot "Load position asense 1" precedente. Inserisci il resto dell'articolo ricordandoti di usare la giustificazione del testo e di scegliere il paese per la news nel form sottostante alla voce "categoria". Se è possibile suddividi il testo dellìarticolo in varie parti separate da un capoverso come quello che segue.

"Terra in Bocca" - La Storia

La storia è quella di un atto di coraggio, una forte accusa alla mafia per la guerra dell'acqua nella Sicilia riarsa. La storia di due giovani innamorati si intreccia alla storia del paese ed è vivamente descritta nei testi di Piero De Rossi.

Le musiche sono quasi tutte di Mino De Martino, ma furono depositate alla Siae da Vince Tempera, che curò gli arrangiamenti del disco e compose tutte le parti strumentali. Ma i tempi non sono evidentemente maturi: dopo un brevissimo passaggio radiofonico, l’album viene boicottato ed abbandonato e il gruppo si scioglie.

A 40 anni di distanza, in una momento storico in cui finalmente il contrasto alle mafie non è più affidato solo alla magistratura e alle forze di polizia, ma è avvertito come prioritario anche  dalle forze civili di ogni parte del paese, il messaggio contenuto in questo disco riemerge con una carica comunicativa ancora straordinariamente efficace, come avviene alla grande arte, spesso precorritrice dei tempi.

"Terra in Bocca" - Un successo in tutta Italia

Nel 2009 esce il libro-cd Terra in bocca – Quando i Giganti sfidarono la mafia, scritto da Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini (ed. Il Margine, prefazione di Don Luigi Ciotti), che ricostruisce con meticolosa passione – dando voce anche a tutti i protagonisti – la storia sconosciuta di questo disco rivoluzionario e geniale.

Da quel momento lo spettacolo Terra in bocca live gira l’Italia attirando un pubblico di tutte le età e vince il Premio Borsellino 2011. Sul palcoscenico, insieme ai giovani musicisti dello Spaziomusica ensemble e del Sacher Quartet, salgono i Giganti Enrico Maria Papes, Mino de Martino e Checco Marsella e i loro compagni di viaggio Ares Tavolazzi, Ellade Bandini e Vince Tempera, che di quella straordinaria avventura conservano un ricordo vivo ed appassionato.

Ad Ariccia l’energia e il coraggio di questa musica e di questi testi rivivranno per una serata, in un evento che segnerà anche la nascita del Presidio della Legalità dei Castelli Romani.

SpazioMusica Ensamble: Cristiano Callegari, Matteo Callegari, Mariano Nocito, Marco Prestini, Stefano Resca, Marco Scipione, Paolo Terlingo
Sacher Quartet: Laura Marchesi, Alberto Favale, Giuliano Ferrari, Alfredo Turicci
Danzatori: Davide Manico e Martina Garbelli
Special Guests "I Giganti": Enrico Maria Papes, Mino De Martino; Francesco Marsella + Ares Tavolazzi, Ellade Bandini, Vince Tempera

Terra in bocca live
Sabato 4 febbraio ore 20,30
PalAriccia (via del Bosco Antico 1)
Prezzo: euro 8,00
Gratuito fino a 18 anni e per gli studenti delle scuole superiori dei Castelli Romani
Patrocini: Provincia di Roma, Comuni di Ariccia, Albano Laziale, Genzano di Roma, Rocca di Papa


Per informazioni e prevendita biglietti: 347.2769129

Letto 1426 volte Ultima modifica il Venerdì, 07 Novembre 2014 17:30

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.