Log in
Giovedì, 17 Marzo 2011 23:00

Giornate della legalità con Impastato a Velletri

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venerdì 18 marzo e sabato 19 marzo gli assessorati alla Pubblica Istruzione e alle Politiche culturali del Comune di Velletri, in collaborazione con l'istituto di istruzione superiore "Vallauri" e il liceo scientifico "Landi" di Velletri, organizzerà le "Giornate della legalità", due giorni di eventi e iniziative che quest'anno vedranno arrivare nella nostra città Giovanni Impastato, uomo il cui impegno sociale per la lotta alla mafia e la promozione della coscienza civile è così noto che ci esime dallo spendere altre parole.

Giovanni Impastato sarà a Velletri per assistere all'intitolazione dell'intersezione viaria tra Viale dei Volsci, Viale Marconi e il Ponte della Regina a suo fratello Peppino Impastato, ucciso dalla mafia nel maggio del 1978, quando era in procinto di candidarsi alle elezioni comunali di Cinisi, il paese della Provincia di Palermo in cui viveva anche il boss Tano Badalamenti.

"Giornate della legalità" con Impastato a Velletri – il programma di venerdì 18

Peppino Impastato, anche grazie ai film, ai libri e alle canzoni che gli sono state dedicate, è diventato un'icona di quella che viene definita "Antimafia sociale", ossia quell'attività di educazione alla legalità e di sostegno ai privati nella lotta alla mafia che fa da sponda alle inchieste giudiziarie portate avanti dalla magistratura e dalle forze dell'ordine. Giovanni Impastato da decenni continua la battaglia che fu del fratello, portando in tutta Italia la sua testimonianza storica e il suo impegno morale. Ricco il programma di eventi della due giorni veliterna. Venerdì 18 marzo, alle 9, Giovanni Impastato incontrerà gli studenti dell'istituto "Vallauri" per una conferenza nell'Aula Magna della scuola. Alle 16 ci sarà la già ricordata intitolazione di "Largo Peppino Impastato", intitolazione deliberata dal Consiglio comunale di Velletri sulla base di una mozione fortemente voluta dal Consigliere comunale Fabio Taddei. Alle 17, nella sala Consiliare di Velletri, Giovanni Impastato presenterà il frutto della sua ultima fatica di scrittore: "Resistere a Mafiopoli" (insieme a Vassia, Viterbo, Nuovi Equilibri, 2009), in cui racconta del "suo rapporto con Peppino, un fratello maggiore di cui avrebbe avuto bisogno ma che gli è stato negato dalle vicende che si susseguivano in casa Impastato e nella comunità più ampia del paese. Si può dire che il colloquio più intenso con il fratello cominci dopo la sua morte, quando assieme a Felicia e alla moglie decide che casa Impastato diventi una casa aperta, spalancata a chi vuole conoscere Peppino, sbarrata alla parentela mafiosa. E da lì si snoda una storia che è insieme personale e condivisa da chi si è battuto per salvare una memoria e per pretendere giustizia" (dalla prefazione di U. Santino).

"Giornate della legalità" con Impastato a Velletri – il programma di sabato 19

Sabato 19 marzo, alle 9, ci sarà una seconda conferenza-dibattito, questa volta nell'Aula Magna del liceo scientifico "A. Landi". «Questa iniziativa è solo l'ultima di una serie di progetti educativi che i miei colleghi da anni mettono in campo – ha detto l'Assessore alla pubblica istruzione Alessandra Modio –. Progetti che trovano un supporto istituzionale spero importante nel Comune di Velletri, che vuole fare la propria parte nella battaglia per la legalità e per la lotta alla criminalità. Il nostro obiettivo è quello di creare una sinergia tra Enti amministrativi, istituzioni scolastiche e famiglie che possa davvero fare la differenza nell'educazione e nella formazione civile delle giovani generazioni. Voglio ringraziare pubblicamente la professoressa Ida Crea, Preside dell'Iis "Vallauri", la professoressa Pasqualina Marini, Preside del liceo "Landi", i professori Michele Vallone, Mariangela Parisi e tutto il corpo docente delle scuole che ha aiutato a organizzare questa iniziativa. Il loro contributo umano e professionale è davvero insostituibile. Voglio ringraziare anticipatamente anche tutti, giovani e adulti, che parteciperanno alle Giornate della legalità». Alle parole di Alessandra Modio hanno fatto eco quelle dell'Assessore alle politiche culturali del Comune di Velletri Daniele Ognibene. «Mai Velletri dovrà abbassare la guardia davanti ai rischi del fenomeno mafioso, mai ci stancheremo di fare tutto quello che è in nostro potere e nelle nostre competenze per erigere una barriera all'infiltrazione mafiosa, fatta di senso civico, rispetto della legalità, etica pubblica e solidarietà sociale. Per questo – ha detto l'Assessore Ognibene – ho intenzione di coinvolgere anche la neo formata Consulta Giovanile di Velletri nell'organizzazione delle Giornate della legalità, così da ampliare la portata sociale e formativa del progetto. Auspico una forte partecipazione di tutta la cittadinanza a questo evento, così importante per la nostra città». Gli Assessori Modio e Ognibene hanno anche ricordato come, nella attività istituzionale di tutti i giorni si sia fatto molto per aumentare la trasparenza dell'attività amministrativa del Comune di Velletri, ad esempio attraverso l'istituzione dell'Ufficio Gare per l'aggiudicazione degli appalti pubblici, oppure permettendo la videoripresa dei Consigli comunali. Questo impegno istituzionale trova il suo opportuno contraltare nelle iniziative sociali, come le Giornate della legalità del 18 e 19 marzo.

Letto 1308 volte Ultima modifica il Giovedì, 13 Novembre 2014 16:17

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.